star wars jocasta nu darth vader anakin

Star Wars: le verità di Jocasta Nu sulla Forza, il Lato Oscuro e l’Imperatore

Star Wars Curiosità Star Wars Notizie

Darth Vader 38 è un fumetto pubblicato da Panini Comics. Lo abbiamo letto ed abbiamo individuato alcuni passaggi molto emozionanti e importanti per approfondire la nostra conoscenza della saga. Tutto quello che segue contiene SPOILER sull’albo in questione, quindi se preferite leggerlo prima tornate qui in un secondo momento.

Star Wars: le verità di Jocasta Nu

Risultati immagini per jocasta nu anakin

In questo fumetto – prodotto da Marvel Comics – scritto da Charles Soule e disegnato da Giuseppe Camuncoli, vediamo il giovane Darth Vader andare ad intercettare la jedi Jocasta Nu per ordine dell’Imperatore Palpatine.

Jocasta ha scoperto l’identità di Vader e cerca di contrastare la sua rabbia attraverso alcune verità (dal suo punto di vista). Vi riportiamo qui sotto le frasi della donna, poiché approfondiscono temi come la Forza, il Lato Oscuro, le intenzioni di Palpatine, il ruolo dello stesso Anakin Skywalker.

“So chi sei… Anakin Skywalker. Adesso capisco… Le cose non dette nel messaggio finale del maestro Obi-Wan ai superstiti della purga dell’Imperatore. Palpatine era il Signore dei Sith che non riuscivamo a trovare. Tu la nostra grande speranza per la Forza, eri il suo obiettivo. Ti ha preso, ti ha reso suo, ti ha dato una nuova forma, sommersa nel Lato Oscuro. Sei il suo strumento, poco più di un droide, per cancellare il Lato Chiaro della Forza. Ma è impossibile. La Forza è eterna. Non può finire, non può essere eliminata, non finché esisterà la vita. Troverà i suoi recipienti, come fa sempre. L’ha già fatto, lo sai. Ci sono degli altri, in attesa, nella Galassia. Quando arriverà il momento giusto, gli jedi si alzeranno di nuovo”.

Dunque, la jedi chiarisce quello che Palpatine ha fatto sin da quando ha visto Anakin per la prima volta: lo ha sommerso nel Lato Oscuro e reso proprio, con una nuova forma. Così facendo ha strappato agli Jedi la loro arma più grande, la speranza. In poche parole, uno strumento degli Jedi è diventato quello del Signore Oscuro dei Sith che era intenzionato a cancellare il Lato Chiaro della Forza.

La sua lezione si sposta poi sulla Forza stessa (intesa come Lato Chiaro a questo punto). La descrive come eterna, infinita, impossibile da cancellare. Come agisce la Forza? Usa i force user per esprimersi: questi sono semplici recipienti che assecondano la volontà di questo grande mistero e determinano gli eventi.

La Jedi continua:

“Palpatine ti ha ordinato di catturarmi viva, è chiaro. E non sai nemmeno perché. Ragazzo Sei un povero illuso. Sospetto che fosse per la lista. È stato cancelliere, sapeva che ne avevamo una, e doveva immaginare che l’avessero affidata a me. La voleva e la ragione è evidente. Vuole creare altri te.”

Palpatine voleva creare altri Vader? La conferma l’abbiamo avuta nelle storie a fumetti precedenti ad Episodio V, dove abbiamo visto mettere alla prova il suo apprendista mettendolo di fronte ad esseri non force user, ma potenziati con la sola tecnologia. Probabilmente avrebbe sostituito Vader con lo stesso Luke Skywalker, perché ogni essere che “catturava grazie al Lato Oscuro” lo faceva suo, lo sfruttava ed al momento giusto lo rimpiazzava.

Palpatine aveva la capacità di “schiavizzare” i suo apprendisti attraverso il Lato Oscuro. Un dialogo tra Vader e Luke, avvenuto nel film Il Ritorno degli Jedi, chiarisce il punto:

Luke Skywalker: Vieni con me.
Darth Vader: Un tempo Obi-Wan la pensava come te… Tu non conosci il potere del Lato Oscuro, io devo obbedire al mio Signore.
Luke Skywalker: Io non cederò, e sarai costretto ad uccidermi.
Darth Vader: Se è quello il tuo destino….
Luke Skywalker: Ritrova te stesso, padre! Non puoi farlo! Avverto il conflitto che è in te, lascia che l’odio vada via!
Darth Vader: Per me è troppo tardi, figlio. L’Imperatore ti mostrerà la vera natura della Forza. È lui il tuo padrone, ora.

Vi invitiamo a fare le vostre riflessioni sull’argomento e, eventualmente, condividerle sulla nostra pagina Facebook, per discuterne.