snoke star wars episodio ix

Star Wars: svelate le vere origini di Snoke e la storia del Prime Sith

Star Wars Notizie Star Wars Varie

Star Wars. Chi era Snoke? Cosa era Snoke? Finalmente il romanzo di Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker ci ha dato una conferma sulla natura del “galoppino” di Darth Sidious, usato per preparare il terreno all’Ordine Finale. Fino ad oggi avevamo solo capito, grazie al film di J.J. Abrams, che era un essere creato da Palpatine. Ci sono state mostrate camere di clonazione, al cui interno erano presenti altre copie di questo force user.

Un primo indizio sull’origine di Snoke ci era stato dato in Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi, dove avevamo visto il Prime Jedi sul grande mosaico dell’isola di Ahch-To.

Il romanzo di Rae Carson ha svelato che quel Prime Jedi era un raro Angelo di Iego e Snoke è molto simile agli “Angel” (Angeli), esseri che sono stati citati da Anakin Skywalker nella Minaccia Fantasma (Episodio I). Il piccolo Ani spiegava:

“Sono le creature più belle dell’universo. Vivono sule lune di Iego, credo”.

Wookieepedia specifica che erano una specie misteriosa di senzienti alati che abitavano le lune del pianeta Iego. Erano famosi per la loro bellezza, per questo Anakin Skywalker parla di loro quando incontra la futura moglie Padmé Amidala, paragonando il suo aspetto a quelli di un angelo.

Darth Sidious, praticamente, aveva usato il materiale genetico di un un essere così potente, il quale era stato sepolto proprio su Exegol a seguito della prima scissione tra Jedi e Sith. Il Prime Jedi non aveva solo fondato l’Ordine, ma aveva perso il controllo della Forza manipolando il Lato Oscuro, cosa che lo portò a diventare il pericolo numero uno del suo stesso Ordine: il Prime Sith.

Creato il clone di Snoke, Sidious si era accorto che solo nel caso del Prime Sith la clonazione andava a buon fine, riuscendo ad ottenere così un corpo force user.

Pertanto gli aveva promesso “vita eterna” attraverso la tecnologia di clonazione, poiché quel corpo clonato non era in grado di resistere nel tempo, corrotto dal Lato Oscuro ed era soggetto sempre ad un rapido deperimento.

Il piano di Snoke era quello di conquistare la Galassia, prima di tutto, sfruttando tutte le conoscenze di Sidious, studiando l’evoluzione dei Sith nel corso degli anni, per poi tentare di strappare a Palpatine tutto il suo potere, compreso l’Ordine Finale e la tecnologia che gli avrebbe permesso di trasferire il suo spirito in nuovi corpi con il suo DNA.

PESCE D’APRILE 2020 (Staff Star Wars News Italia)