Star Wars Emperor Imperatore Darth Sidious Sheev Palpatine Rise of Skywalker Ascesa Episodio IX 9

Star Wars: chiarimento sulla scelta di usare l’Imperatore in Episodio IX

L'Ascesa di Skywalker - Episodio 9 Snoke Star Wars Analisi Star Wars Notizie

Star Wars. Quanto leggerete qui di seguito è un ragionamento basato sulla lettura di interviste a scrittori e produttori della Nuova Trilogia, ma soprattutto sull’analisi delle opere del nuovo canone, dove già erano stati spifferati degli elementi essenziali, poi ribaditi nel nuovo film. Si parla del ritorno dell’Imperatore e soprattutto del “COME” è stato inserito, che ha fatto la differenza, rispetto ai piani iniziali, che in qualche modo lo hanno sempre tenuto in considerazione (pur tenendolo morto).

Darth Sidious è stato inserito in Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker. Cosa che, a quanto pare, è diventata necessaria dopo l’eliminazione di Snoke in Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi. Quando Rian Johnson toglie di scena Snoke non lo fa per fare un dispetto a J.J. Abrams o per rovinare i piani di Lucasfilm. Lo fa perché, durante il percorso creativo, J.J. Abrams (produttore esecutivo degli Ultimi Jedi) ed il resto di Lucasfilm hanno ritenuta valida ed interessante quella scelta.

Star Wars – Da Palpatine a Snoke, da Snoke a Palpatine

Snoke per loro non era fondamentale. Ma era fondamentale solo un concetto: far tornare Kylo Ren ad essere Ben Solo. Quindi, nella fase di scrittura di Episodio IX, J.J. Abrams e Chris Terrio si sono impegnati ad individuare una “motivazione valida per la redenzione”. Le strade erano due: far diventare Rey la villain finale (cosa esclusa in partenza) o spiegare che dietro Snoke c’era qualcuno di ancora più potete e pericoloso. Colin Trevorrow, secondo alcune voci, aveva pensato ad inserire dal nulla un nuovo force user donna. Invece, J.J. Abrams da anni sognava di poter giocare con la figura dell’Imperatore ed era anche un’idea che piaceva tanto alla Presidente di Lucasfilm, Kathleen Kennedy. Idea difficile da usare, delicata, rischiosa, che hanno evitato creando proprio un personaggio simile, quasi identico, con gli stessi scopi: Snoke.

L’Imperatore Palpatine è stato inserito così, per la gioia di qualcuno (dentro e fuori Lucasfilm) in Star Wars Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker, anche dopo un colloquio avuto tra gli scrittori del film e George Lucas. Infatti, proprio per quello è stato presentato sin da subito come un personaggio morto, un cadavere che dice immediatamente di essere morto e di aver trovato un meccanismo per aggrapparsi a quel corpo defunto attraverso il Lato Oscuro ed i suoi “benefici innaturali”.

Darth Sidious era previsto in Episodio IX? Certo che era previsto, sin dal primo giorno, ma non era previsto il come inserirlo. Questa è la grande differenza. La trama generale dell’intera Trilogia si basa su un piano dell’Imperatore e questa non è una novità dell’ultima ora. Da diversi anni, attraverso i prodotti canonici, questi aspetti sono stati chiariti: il Primo Ordine nasceva per soddisfare il piano finale dell’Imperatore che aveva deciso di distruggere il vecchio Impero dopo la sua morte, per costruirne uno nuovo, attraverso i suoi militari migliori e fedeli, nelle Regioni Ignote.

Quindi, questo aspetto sarebbe stato chiarito al 100% in Episodio IX, perché era stato già raccontato nella Trilogia di Aftermath, che è canonica ed è la base di tutta la storia. Il piano finale dell’Imperatore era previsto da anni. Quel che non era previsto era il come “attivarlo” e attraverso chi! Snoke stesso stava gestendo le risorse dell’Imperatore, i suoi uomini e seguendo certe indicazioni che si sanno da tempo.

Star Wars – La differenza la fa il come

Star Wars Battlefront 2 Palpatine droid Resistance Reborn

Quel che è cambiato, dopo la morte di Snoke, è l’aver dovuto avere una figura potente e credibile per permettere a Ben Solo di compiere quel destino previsto dal primo giorno. Un secondo burattino di un Imperatore morto non sarebbe stato credibile (difficile costruire un personaggio inedito di spessore solo all’ultimo film, per poi ucciderlo immediatamente), così come non sarebbe stato credibile un semplice droide messaggero dell’Imperatore come mente del piano finale (Darth Sidious si servì di droidi speciali e senzienti con il suo volto per gestire il suo piano post-mortem). A quel punto della storia l’unico soggetto “credibile” in grado di poter scatenare l’Ordine Finale dell’Imperatore era l’Imperatore stesso. Idea che ha entusiasmato J.J. Abrams e qualcuno in Lucasfilm, visto che la Nuova Trilogia e il Primo Ordine erano stati presentati sin da subito come le conseguenze delle opere di Sidious.

Quindi è il come ad aver fatto la differenza, non l’esser stato preso in considerazione. Darth Sidious era già la mente del piano finale.

Commenta questa notizia con gli altri fan nella nostra Pagina Facebook Ufficiale.