Star Wars Profezia Prescelto Ascesa di Skywalker Leia Anakin Luke Rey Ben Solo Kylo Ren Episodio IX

Star Wars: un fan interpreta così la Profezia sul Prescelto dopo Episodio IX

L'Ascesa di Skywalker - Episodio 9 Star Wars Analisi Star Wars Notizie

Star Wars. Una delle discussioni più animate nel fandom, dopo la visione di Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker, riguarda la profezia del Prescelto. C’è chi la vede completamente demolita dal film di J.J. Abrams, c’è chi invece la vede rafforzata e portata su un nuovo livello.

Al momento ci è pervenuto un parere argomentato del fan Pino Nista, il quale non ha “patito” le scelte fatte per Star Wars Episodio IX ed ha proposto la sua interpretazione degli eventi.

Pino Nista scrive:

“Il Prescelto è e resterà sempre Anakin Skywalker. Non si discute. In Episodio IX la sua discendenza ha soltanto ampliato il concetto di Prescelto. Il suo sangue e i suoi figli, il suo stesso nipote ascendono in questo film. Portano la questione su un altro livello, un livello altissimo. Lui da Prescelto decise di uccidere Palpatine, ma la sua discendenza fa qualcosa di più importante: gli Skywalker decidono di salvare una Palpatine. E’ il concetto cristiano di amare il prossimo, anche il proprio nemico quello alla base della pellicola e qui si esprime a livelli massimi. Luke, da un certo punto di vista, pur sapendo chi è realmente Rey è disposto ad addestrarla ancora, persino Leia l’addestra. Ben Solo addirittura fa qualcosa che eleva del tutto il significato degli “Skywalker”: dà la sua vita per una Palpatine. E questa è la chiave del tutto, la chiave della saga. Rey ha compreso l’importanza unica dei loro sacrifici e scegliendo di essere una Skywalker dà ancora più valore a tutta la loro esistenza.”

Il fan aggiunge che così Rey diventa uno Skywalker.

Commento di Star Wars News Italia all’interpretazione della Profezia

Certo, Rey alla fine sceglie di essere una Skywalker. Si sente a tutti gli effetti il frutto della loro grandezza: una figlia, una nipote, una sorella, un’amante. E si compie così l’Ascesa definitiva degli Skywalker, che parte proprio da Anakin, il Prescelto attraverso il quale la Profezia ha fatto il suo corso. Senza di lui e la sua discendenza, nata da un atto di amore, senza gli atti d’amore che sono stati in grado di fare i suoi figli, avremmo assistito già da tempo al trionfo di Darth Sidious, dei Sith del Lato Oscuro. Invece la Luce ha trionfato, anche attraverso Ben Solo che ha dato la sua vita ad una Palpatine: un atto di creazione totale. Rey rinasce dal sacrificio dell’ultimo Skywalker e grazie alla sua essenza vitale diventa una Skywalker (simbolicamente e non). Il loro bacio è gratificazione, rispetto, gioia ed ha un significato simbolico di “comunione”.

Anakin Skywalker è stato messo all’interno della saga come “Cristo” (corrotto a uomo, poi salito al cielo con sacrificio per la salvezza di chi amava). Gli Skywalker sono i portatori del suo messaggio e sono legati a lui dal sangue di Luce, come fossero più che apostoli. Rey, entra in comunione con loro e con il loro spirito attraverso la fede di Luke e Leia ed attraverso il sacrificio di Ben, diventando una skywalker, come i “cristiani erano portatori del messaggio di Cristo”, diventando lui mangiandone la carne (pane) e il sangue (vino).

Dunque, in base a questa lunga riflessione, la Profezia raggiunge il suo totale compimento poiché gli Skywalker sono riusciti a fare quel che era praticamente impossibile (cosa che ha distrutto i Sith definitivamente): individuare del buono nell’esistenza di Darth Sidious e fermarlo attraverso il suo stesso sangue, impedendogli il suo totale trionfo. La Forza, dunque, ha distrutto i Sith attraverso colei che era destinata ad essere il Sith finale e lo ha fatto attraverso il sangue Skywalker, nato dalla Luce e destinato ad essa. Di certo è una soluzione coraggiosa quella adottata da J.J. Abrams e Chris Terrio, poiché hanno spinto oltre il concetto della Profezia, degli Skywalker, dando un ruolo definitivo a queste creature non comuni, generate dalla Forza stessa, principale e grande avversario di un sempre immenso (nell’Oscurità) Imperatore Palpatine.

Avete altre idee sulla questione? Argomentatele come ha fatto Pino e proponetecele in privato, così da poter dar voce anche alle vostre interpretazioni (negative o positive) su un punto importantissimo e delicato della saga di Star Wars.