star wars anakin skywalker qui gon jinn forza lato oscuro

Star Wars: Qui-Gon poteva salvare Anakin? E’ arrivata la risposta ufficiale

Altre serie Star Wars Curiosità Star Wars Notizie

STAR WARS. La Marvel Comics, con il suo nuovo progetto a fumetti dedicato ai protagonisti delle varie ere della saga, ha toccato un punto molto delicato, che riguarda Qui-Gon Jinn e, soprattutto, Anakin Skywalker.

Tutto ciò che segue è trapelato dal fumetto Age of Republic: Qui-Gon Jinn, inedito in Italia. Pertanto, prima di continuare a leggere, accettate il rischio SPOILER.

Star Wars – Cosa sapeva Qui-Gon Jinn? Cosa avrebbe potuto fare?

Dunque, Lucafilm avrebbe ufficialmente confermato che Qui-Gon avrebbe potuto salvare Anakin Skywalker, perché era il solo ad aver appreso la verità sul Lato Oscuro. Verità che Obi-Wan, Mace Windu e Yoda non avevano compreso.

Il sito web ScreenRant, che ha letto e analizzato l’opera, precisa che Qui-Gon Jinn resta ancora il responsabile dell’aver accettato il rischio di addestrare Anakin Skywalker, ponendolo così su quel percorso che lo ha trasformato in Darth Vader.

Nel fumetto si fa notare che Qui-Gon aveva notato la presenza vigorosa del Lato Oscuro in Anakin: credeva però che quell’oscurità fosse necessaria per portare l’equilibrio nella Forza. Dunque, era probabilmente l’unico in grado di addestrarlo nel migliore dei modi.

Star Wars – Crisi di fede e insegnamenti della Forza

Qui-Gon Jinn, prima di Episodio I – La Minaccia Fantasma aveva avuto una grossa crisi di fede (cliccate qui per scoprire cosa è accaduto e come Yoda lo ha “aiutato). Gli Jedi avevano una visione molto rigida della Forza e consideravano il Lato Oscuro un male terribile. Qui-Gon, invece, aveva iniziato a rendersi conto che il Consiglio Jedi stava perdendo la via…

Per ritrovare se stesso, il Jedi si è affidato alla Forza completamente, facendosi guidare e accettandone ogni lezione. Giunto su un mondo alieno, molto particolare, dove si percepisce il conflitto tra vita e morte, Luce e oscurità, Qui-Gon è entrato in comunione con la Forza ed ha avuto una visione che non menzionerà mai agli altri Jedi.

Ha percepito la Forza che dà la vita e l’oscurità che si bilancia con essa. Risvegliatosi da questa visione ha notato che l’oscurità è stata respinta definitivamente. La Luce ha trionfato, restituendo il vero equilibrio, ma attraverso un modo del tutto diverso dal conflitto.

L’Ordine Jedi crede che è necessario resistere al Lato Oscuro con ogni mezzo necessario. In realtà, secondo quello appreso da Qui-Gon Jinn, solo di fronte all’Oscurità la Luce può ristabilire l’equilibrio. Quando il maestro Jedi incontra il piccolo Anakin, percependo il lui il Lato Oscuro, pensa prima di tutto alla sua visione.

Star Wars – Skywalker essere speciale

Dunque, Qui-Gon Jinn sapeva già che non era una casualità aver incontrato quel bambino, perché la Forza gli aveva preannunciato l’incontro con un soggetto speciale, da Essa concepito. Per questo non ha esitato nell’addestrarlo.

Dunque, mentre il Consiglio pensava al Prescelto come un portatore di sola Luce, Qui-Gon aveva intuito che per equilibrare la Forza questa aveva creato un essere fatto di Luce e Oscurità. Solo accettando la sua Oscurità avrebbe potuto così superarla e distruggerla.

La conclusione sembra ovvia: solo Qui-Gon Jinn, grazie a quella visione, aveva le potenzialità per addestrare Anakin al meglio. Accettare l’Oscurità non significa usare il Lato Oscuro, ma trovare la chiave giusta per distruggerlo. E’ un concetto che non va applicato (salvo diverse indicazioni della Lucasfilm) a tutti i normali force user, ma per gli Skywalker (creati dalla Forza) sembra necessario. Infatti, ci sono esseri in cui il Lato Oscuro è presente sin dalla nascita, è potente e può consumarli del tutto. Ben Solo, nipote di Anakin, ha caratteristiche analoghe, visto che è stato descritto come un ragazzo dove Luce e Oscurità vivono in egual misura.

C’è tanto da riflettere su tutto ciò…