star wars imperial march dart vader solo rebels

Star Wars: la Marcia Imperiale è canone grazie a Solo e Rebels. Ecco cosa significa…

Solo - A Star Wars Story Star Wars Curiosità Star Wars Notizie Star Wars Rebels

STAR WARS. The Imperial March (Marcia Imperiale) è il noto tema musicale composto da John Williams per il film Episodio V – L’impero colpisce ancora. Non è una musica qualsiasi, poiché è entrata di diritto tra i temi sinfonici più importanti della storia del cinema. Inoltre, grazie ad un tocco di magia degli sceneggiatori, questo tema è entrato nella storia “canonica” di Guerre Stellari.

Per essere più chiari, si può affermare che La Marcia Imperiale è una musica che esiste nella Galassia creata da George Lucas ed è usata dall’Impero stesso per operazioni di propaganda o per accompagnare spettacolari parate.

[irp posts=”3888″ name=”Star Wars: come Enfys Nest e Qi’ra hanno stravolto i canoni” della saga”]

Questo aspetto era stato introdotto nell’ottava puntata della prima stagione della serie tv Rebels, intitolata Empire Day, come potete vedere nel video sottostante:

Non finisce qui, perché la canonizzazione della musica imperiale è stata riproposta anche al cinema nel film Solo: A Star Wars Story. La potete ascoltare nelle scene iniziali della pellicola, prima della fuga di Han da Corellia. In questa circostanza il tema Imperial March è usato come propaganda. Vista l’assenza di video online per mettere in evidenza tale sequenza, pubblichiamo uno screenshot del momento esatto in cui vengono diffuse le celebri note.

[irp posts=”3866″ name=”Solo: A Star Wars Story – La recensione di starwarsnews.it”]

Questa scelta di “canonizzare” una canzone così potente e significativa è una mossa geniale e dovuta, anche per ringraziare da qui all’eternità il maestro Williams.

solo star wars marcia imperiale

Star Wars – Altre info sull’Imperial March

Da Wikipedia: “Per fornire un tema musicale al malvagio Impero galattico, Williams scrisse una partitura drammatica e operistica, facendo ricorso agli ottoni in chiave minore, in modo che “la musica investa lo spettatore con una forza declamatoria prepotente e ripetitiva”. Grazie alla struttura basilare della marcia, il cui attacco di tre note ben si prestò a essere inserito nella tessitura musicale delle altre tracce, come monito incombente dell’Impero, Williams riuscì a imprimere sul pubblico la sensazione di pericolo imminente.”